Braun Visacustic 2000 digital


Ecco un proiettore veramente particolare: parlando del Braun Visacustic 2000, uno dei più quotati proiettori sonori (per lo meno sul mercato estero, basti vedere la valutazione stratosferica di Wittner-Kinotechnik), non possiamo prescindere dal tener presente per quale scopo esso era stato concepito: fare da complemento alle cineprese Braun-Nizo, per alcuni il top delle cineprese Super8.

Questo proiettore, infatti, presenta una varietà di accessori, sincronizzatori, adattatori, etc. interamente progettati per essere utilizzati in tandem con registratori audio con traccia pilota: in pratica il suono veniva registrato in presa diretta su una pista, mentre sull'altra la cinepresa inviava degli impulsi, una sorta di time code applicato al passo ridotto. In fase di sonorizzazione il proiettore era in grado di venire pilotato dagli impulsi per ritrovare il sincrono labiale, e al contempo presentava delle caratteristiche peculiari (prima fra tutte la continua risincronizzazione del motore alla cadenza prestabilita) pensate appunto più in un'ottica di montaggio audio che di proiezione vera e propria.

Intendiamoci, questo è un signor proiettore, dalle caratteristiche in proiezione più che soddisfacenti: obbiettivo Schneider 1.1 (di serie), componentistica elettronica di gran classe per un audio veramente ben definito, registrazione e lettura stereo, contafotogrammi digitale con precisione di in/out rec al frame, dopia ruota dentata in ingresso e in uscita, lampada 15 Volt 150 Watt, portata bobine 240 metri, infinite possibilità di sincronizzazione attraverso un'unità esterna dedicata. La pellicola può essere sfilata dal proiettore in qualunque punto.

In fase di proiezione la macchina si comporta molto bene: silenziosa, precisa, delicata con le pellicole. Immagine stabile e audio molto pulito, uno tra i migliori che mi sia mai capitato di ascoltare.

Il pressapellicola è in materiale metallico e di concezione molto simile a quello degli Elmo, scostabile da un lato.

Il gruppo testine è sfilabile con facilità per facilitare le operazioni di pulizia.

 

Nelle foto qui sopra è possibile vedere il corridoio pellicola e la compattissima elettronica accessibile (in parte) dal pannello posteriore. La costruzione e la progettazione sono notevolmente accurate; l'operazione di sostituzione della cinghia, ad esempio, è semplicissima (a causa del controllo elettronico di velocità una cinghia lenta si traduce in una continua risincronizzazione del proiettore - accelerazione e decelerazione improvvisa del motore - molto fastidiosa in fase di proiezione; perciò questo è un proiettore più sensibile all'usura della cinghia).

Oltre al libretto istruzioni del proiettore vero e proprio esiste un complesso "schemario" di collegamenti per l'unità di sincronizzazione esterna, con soluzioni tecniche sorprendenti.

Nelle foto qui sotto è possibile osservare il potenziometro di regolazione fine della velocità e le quattro cadenze prefissate (16 2/3, 18, 24 e 25 fotogrammi al secondo). Non ho ancora avuto modo di provare a fare telecinema: l'impressione, però, è che la mancanza della cinghia dentata e l'otturatore a tre pale precludano un corretto riversamento della pellicola su nastro magnetico. D'altra parte le cadenze video erano pensate per sonorizzare le pellicole girate con le cineprese Nizo a tali velocità, non per il riversaggio video tramite il Visacustic. La foto accanto è un'altra immagine del Visacustic 2000. Il modello 1000 è simile esteticamente, ma la portata delle bobine è 180 metri, il contafotogrammi meccanico; inoltre manca la parte di regolazione elettronica delle registrazione.

In conclusione questo è un proiettore dalle caratteristiche notevoli, pensato soprattutto per sonorizzare con precisione e qualità piuttosto che per proiettare in grandi spazi, come ad esempio il Fumeo. La qualità della componentistica e l'accuratezza della costruzione lo pongono nella classe alta dei proiettori, per molti versi al di sopra dei migliori Bauer. La complessità dell'elettronica lo rende un acquisto a rischio se non debitamente provato ed analizzato.

VelocitÓ di proiezione: 18 e 24 f/s, +/- 1 f/s
Lampada: 15 Volt, 150 Watt
CapacitÓ bobine: 240 mt.
Sezione audio: lettura e registrazione magnetica sterofonica

Torna alla pagina precedente